Magic in Reading | Wide Sargasso Sea

ilgrandemaredeisargassi-serenaraffaelli-book

Wide Sargasso Sea

by Jean Rhys

“Above all I hated her. For she belonged to the magic and the loveliness. She had left me thirsty and all my life would be thirst and longing for what I had lost before I found it.”

Wide Sargasso Sea (1966) is the novel byJean Rhys, the British author of Caribbean origin. This is a post-colonial novel, the prequel to Charlotte Brontë’s famous Jane Eyre. The author, who was fascinated by Bertha’s character, the crazy wife of Rochester, decided to narrate her story and suffering. The novel is divided into three parts: the first and the third narrated by Antoinette and the second by Rochester, whose name is never mentioned.

Antoinette is a Creole child, grown in a Jamaica split between the rituals of black magic, handed down by the black servitude, and the deceits of white people. Since her childhood, Antoinette is aware of being destined to a dark future.

Her mother’s suffering seems to have been handed down as a hereditary gene and only the arrival of a young Englishman will succeed in bringing her back to a brief glimmer of hope for future joy. But the love that connects them will be a mixture of “Desire, Hate, Life, Death” that will lead them to a tragic marriage. The suffering of our heroine, whose last living space will be a cold and bare English attic, will have its outburst when a red dress will awake in her the last desire for action, able to reconcile her with her past.

Edited by Serena Raffaelli

***

Il grande mare dei Sargassi

di Jean Rhys

“Soprattutto odiavo lei. Perchè lei apparteneva a quella magia e a quell’incanto. Mi aveva lasciato assetato e tutta la mia vita sarebbe stata sete e desiderio di ciò che avevo perduto prima ancora di trovarlo.”

Il grande mare dei Sargassi (1966) è il romanzo che ha reso nota l’autrice britannica, di origine caraibica, Jean Rhys. Si tratta di un romanzo post-coloniale, prequel del celeberrimo Jane Eyre di Charlotte Brontë. L’autrice, rimasta affascinata dal personaggio di Bertha, la moglie pazza di Rochester, decide di narrarne la storia e la conseguente sofferenza. Il romanzo è suddiviso in tre parti: la prima e la terza narrate da Antoinette e la seconda da Rochester, il cui nome non viene mai citato.

Antoinette è una bambina creola, cresciuta in una Giamaica divisa tra le pratiche della magia nera, tramandate dalla servitù di colore, e gli inganni dei bianchi. Fin dall’infanzia Antoinette è consapevole di essere destinata ad un avvenire tutt’altro che luminoso.

La sofferenza della madre pare esserle tramandata come gene ereditario e solo l’arrivo di un giovane inglese riuscirà a restituirle un breve barlume di speranza di gioia futura. Ma l’amore che li legherà sarà una mistura di” Desiderio, Odio, Vita, Morte” che li condurrà a un matrimonio tragico. La sofferenza della nostra eroina, il cui ultimo spazio vitale sarà una fredda e spoglia soffitta inglese, avrà il suo sfogo quando un abito rosso risveglierà in lei un ultimo desiderio di azione in grado di riconciliarla col suo passato.

(Rhys J., Il grande mare dei Sargassi, Milano, Adelphi Edizioni, 1980)

 

wide-sargasso-sea